• english
  • italian


  • Bollicine, tradizione nel rispetto di terroir e della natura

    Il Viaggio che la Botte Piccola ha il piacere di offrire è un romantico fine settimana nello Champagne all’insegna delle bollicine.

    Un viaggio  che sarà l’occasione per visitare 4 diversi produttori del famoso vino pétillant scoprendo le peculiarità delle diverse tradizioni produttive e le differenti tipologie di lavorazione di un prodotto d’altissima qualità.

    Un vero e proprio tour dello Champagne per gustare ciò che i diversi terroir hanno da offrire grazie all’ospitalità dei produttori che mettono a disposizione le loro “maison” per un fine settimana tutto da assaporare.

    Al fine di rendere piacevole il vostro breve viaggio in Francia la Botte Piccola  si occuperà del vostro comfort dall’arrivo all’aeroporto  fino al vostro rientro.

    A disposizione già all’aeroporto Venerdì ci sarà ad attendervi una macchina con autista che vi accompagnerà in tutta tranquillità nella struttura scelta per il vostro riposo: una meravigliosa dimora di charme immersa nella campagna francese ideale per un weekend da sogno.

    Clima accogliente, un giardino lussureggiante, questo bel relais è il luogo perfetto per  staccare completamente la spina dalle frenesie della città e coccolarsi nelle dolci colline dello Champagne.

    Qui potrete cenare nell’accogliente ristorante e gustare i cibi della tradizione sapientemente preparati dal talentuoso chef utilizzando esclusivamente prodotti freschi e di stagione.

    Dopo le “spumeggianti scorribande” gli ospiti della Botte Piccola potranno apprezzare la bella piscina riscaldata, che si apre verso il patio, la sauna e la palestra.

    Sabato mattina si entra nel vivo del viaggio.

    La Botte Piccola ha organizzato per voi una visita alla Maison Billecart- Salmon, azienda ancora indipendente, gestita dalla Famiglia che è radicata da 350 anni a Mareuil sur Ay.

    I Billecart Producono uno degli Champagne più esclusivi e rinomati nel mondo: il millesimo 1959, è stato eletto miglior Champagne del millennio a Stoccolma nel Giugno 1999 in comparazione con 150 champagnes millesimati dal 1918 al 1990.

    La Maison riceve costanti e continui riconoscimenti dalla critica. A garantire un livello qualitativo di produzione sempre alto, l’utilizzo di piccole Cuves di fermentazione da 50 hl. che permettono di fermentare separatamente e per periodi diversi, i mosti provenienti da ogni singolo vigneto. Fermentazioni lente, di almeno tre settimane, che continuano all’interno dei piccoli e grandi formati delle bottiglie e dei Jéroboam dove si effettua la seconda fermentazione.

    Dopo questa “prima conoscenza” nella blasonata regione nord dello Champagne vi portiamo a fare una piccola scoperta in una zona di produzione sudorientale  meno conosciuta, dove si possono ancora trovare delle etichette a prezzi  contenuti e di qualità altissima.

    Il Secondo produttore selezionato è Champagne Fleury Père et fils. Anche in questo caso la tradizione è datata 1896.

    Lo champagne Flery si è convertito al metodo biodinamico dal 1989. La Maison utilizza compost di origine organica piuttosto che chimica, effettua il diserbaggio in maniera manuale e non meccanica (senza uso di erbicidi) e utilizza oculatamente i prodotti phyto sanitari, seguendo i dettami di un’agricoltura illuminata e rispettosa.

    Dopo la buona riuscita di un esperimento sui primi 3 ettari di conversione, dal 1992 produce tutte le sue uve in biodinamica.

    Lo Chamoagne Fleury speriamo possa essere una buona occasione per assaggiare il prezioso nettare prodotto in una zona normalmente poco conosciuta.

    Il tour della Botte Piccola vi lascia la totale libertà di scelta per quanto concerne la ristorazione, per darvi occasione di esplorare le locande e gli ottimi ristoranti che costellano la regione, naturalmente a vostra completa disposizione per gli spostamenti la macchina con autista e una lista di ristoranti che saremo lieti di fornirvi su richiesta.

    Cene e pranzi all’insegna della libertà, per lasciarsi tentare strada facendo e per vivere un’esperienza lontana da ogni costrizione.

    La mattina di domenica, dopo una succulenta e ricca colazione, è tempo di partire alla scoperta della maison Beaufort.

    Il percorso di Jacques Beaufort inizia nel 1969, quando, ancora a fianco del padre André, si scopre allergico ai prodotti di sintesi per via di una cura medica. Diciotto mesi più tardi passa all’agricoltura biologica. Da allora i suoi sei ettari e mezzo di vigneti - in parte ad Ambonnay classificato Grand Cru e in parte a Polisy, nell’Aube - non ricevono nessun trattamento di sintesi ma solo composti naturali che produce lui stesso per conservare l’humus necessario alla vita. I vicini si lamentano perchè non elimina insetti considerati dannosi ma lui mantiene semplicemente l’equilibrio vitale delle sue vigne. Per limitare l’impatto ambientale dei fungicidi tollerati nel biologico (sali di rame e zolfo), sperimenta da diversi anni l’omeopatia e l’aromaterapia, creando delle soluzioni di piante e oli essenziali.

    In cantina le sorprese non finiscono, la sboccatura la fa ancora “à la volée”, a mano, e non per folclore: “far respirare un’ultima volta ogni bottiglia mi permette di perfezionare la cuvée”, dice Jacques Beaufort. Gli scettici sono costretti a inchinarsi poiché Jacques Beaufort riceve regolarmente elogi dai cronisti delle più importanti riviste e guide specializzate. La rivista Vins de France definisce la sua produzione “la più meravigliosa scoperta degli ultimi cinque anni nel mondo dei récoltants-manipulants di Champagne”. E naturalmente colleziona medaglie: oro e argento al concorso Amphore 2000, e molte altre. Controcorrente alle mode, Jacques Beaufort fa anche champagne demi-sec, un’esperienza unica che seduce anche chi non ama i vini dolci.

    Dulcis in fundo la Botte Piccola vi porta a visitare la Maison Bedel, totalmente convertito al metodo biodinamico dal 1999.

    Tutti i processi di produzione del vino pétillan si svolgono all’interno dell’azienda nel rispetto dei metodi tradizionali. Dalla pigiatura delle uve, all’invecchiamento dei vini nella cantina dell’azienda, al remuage manuale delle bottiglie, tutto avviene secondo gli antichi metodi di produzione

    Le maison selezionate per questa esperienza francese producono vini emozionanti, frutto di un lavoro agricolo ormai quasi scomparso e di una vinificazione meno interventista possible.

    Questo viaggio costa 1200 euro a persona nell’opzione sei partecipanti e 1700 euro a persona nell’opzione per due partecipanti.

    In caso non desideraste la macchina con autista questo viaggio costa 850 euro a persona.

    L’ opzione inclusiva di solo albergo e visite costa 360 euro a persona

    Il viaggio compleato è inclusivo di:

    Volo Milano/Roma Parigi

    camera doppia

    degustazioni presso i 4 produttori

    tutti transfer nella versione inclusive di macchina con autista

    per maggiori informazioni ed eventuali cambi di programma potete contattare

    Carolina Salini

    info@labottepiccola.net